[Max e Diana]|[Consapevolezza]|[La Malattia]|[Alleanza]|[Obbiettivi]  
 

[Sommario]

 

[Informazione e svago]

 
 

[Credits]






[Alessio81]

LA TESTIMONIANZA DI ALESSIO81

Tutto iniziò nell'ottobre 2004 quando mi venne una febbre persistente, ed allora andai a fare gli esami del sangue. Ero molto tranquillo perché non immaginavo la diagnosi che invece poi mi dissero.
Ritirai gli esami e vidi le ALT a 1000 e le AST a 750 però rimasi tranquillo in quanto giorni prima avevo un po’ esagerato nell'alimentazione quindi pensavo fosse dovuto a quello.
Feci molti più accertamenti tra i quali il citomegalovirus, la mononucleosi ecc, perchè mia madre pensava a tante altre malattie, ma non all'epatite.
Feci anche i test per le epatiti e risultai positivo agli anticorpi HCV. La sensazione che provai fu:
"No, non è possibile, proprio a me?" Ebbene si, mi demoralizzai e pensai sempre al peggio.
Quindi seguendo il consiglio di un medico effettuai il test HCV-RNA che risultò essere negativo, mi ripresi un pò, ma immaginavo che sarebbe diventato positivo.
La diagnosi fu di epatite acuta, che però, secondo lo specialista, poteva esserci la probabilità del 50% di guarire dalla fase acuta, facendo solamente una dieta, in modo da non appesantire il fegato.
Iniziai così la dieta anche se rimanevo scettico sul risultato. Dopo un mese rifeci le analisi HCV-RNA qualitativo e quantitativo.
Il risultato fu:
Genotipo 1b (il più brutto e difficile da guarire) con carica virale 146000 copie.
Il medico mi tranquillizzò dicendomi che la carica virale era molto bassa, anche se rimaneva sempre il problema del genotipo difficile da debellare.
Il medico mi disse di attendere un altro mese per vedere i risultati, però io, non convinto dello diagnosi andai da un altro specialista, che mi disse: "Aspettare un mese mi sembra troppo e se non si negativizza subito, iniziamo immediatamente con la terapia, perché prima si attacca il virus e meno si riproduce nell’organismo."
Ero contentissimo di questa sua proposta perchè vidi il Prof. deciso e sicuro di quello che faceva. Dopo il primo mese di prova, rifeci le analisi e la carica virale scese a 11700 copie, di conseguenza il medico decise di proseguire la terapia:
180 mg di Pegasys e 5 cp. di copegus (ribavirina) da 200 mg al giorno.
Ora dopo un mese e mezzo di cura mi ritrovo con le analisi nella norma e i markers epatitici negativi; senza nemmeno avere effetti collaterali, considerando che risulta essere molto dura e difficile da sopportare, ma io non ho sentito nulla, come se non la facessi.
Sono molto contento dei risultati ottenuti perché tutti dissero che era molto difficile curare questa malattia, invece solo dopo un mese e mezzo di cura mi ritrovo negativizzato.
Quando a casa mi giunsero i referti non riuscivo a crederci, pensando si fossero sbagliati invece era proprio vero!
Ora (Maggio 2005) attendo fiducioso le prossime analisi e la fine della cura, che durerà un anno.
Sono certo di farcela in quanto ho iniziato bene, e mi ritrovo con il morale "alle stelle" considerando gli ottimi risultati ottenuti finora.
Spero che molti altri come me possano gioire. Siate fiduciosi!

Alessio81.


N.d.R: il friend Alessio81, dopo averci inviato la sua testimonianza, non ha più dato notizie di sè e non ha mai partecipato alla nostra comunità virtuale.

 
[Comunicazioni e News]

 
 
   

Policy - Dichiarazione - Ogni riproduzione anche parziale è vietata
Associazione NoProfit Help EpatiC - c. fiscale 95622090017
Sito ottimizzato 800x600 pixel
Aggiornato al 29 agosto 2014