[Max e Diana]|[Consapevolezza]|[La Malattia]|[Alleanza]|[Obbiettivi]  
 

[Sommario]

 

[Informazione e svago]

 
 

[Credits]







[Cannabis]

IL FUMO DI CANNABIS REGOLA LA PROGRESSIONE DELLA FIBROSI

I cannabinoidi presenti nella Cannabis sativa (marijuana) esercitano effetti biologici attraverso i recettori dei cannabinoidi CB1 e CB2.
E’ stato recentemente dimostrato che i recettori CB1 e CB2 regolano la progressione della fibrosi epatica sperimentale.
Alcuni Ricercatori dell’Université Paris XII (Francia) hanno studiato l’impatto del fumo di Cannabis sulla velocità di progressione della fibrosi nei pazienti con epatite C cronica (CHC).
Sono stati presi in esame 270 pazienti consecutivi con epatite C cronica di durata sconosciuta, e sottoposti a biopsia epatica.
Sono stati assegnati punteggi secondo il sistema Metavir in base allo stato di fibrosi, alla steatosi e al grado di attività.
I pazienti sono stati distinti in: non fumatori di Cannabis (52%), fumatori di Cannabis occasionali ( 14.8%) o fumatori di Cannabis con frequenza quotidiana (33.0%), ed è stata valutata la relazione tra consumo di Cannabis e percentuale di progressione della fibrosi o stadio della fibrosi.
All’analisi multivariata, 6 fattori sono risultati indipendentemente correlati ad una velocità di progressione della fibrosi superiore a 0.074 (valore medio della coorte): fumatori quotidiani di Cannabis (odds ratio, OR = 3.4), grado A2, o maggiore, di attività secondo Metavir (OR = 5.4), età al contagio superiore ai 40 anni (OR = 10.5), genotipo 3 (OR = 3.4), eccessiva assunzione di alcol (OR = 2.2) e steatosi (OR = 2.0).
Il consumo quotidiano di Cannabis è risultato anche un predittore indipendente di rapida progressione della fibrosi (> 0.15) (OR = 3.6).
Inoltre il consumo giornaliero di Cannabis era in grado di predire la forma grave di fibrosi (classificata come F3 o più) (OR = 2.5; p = 0.034), indipendentemente dal grado di attività secondo Metavir, dall’eccessiva assunzione di alcol, dall’età alla biopsia, dalla steatosi e dall’abitudine al fumo di sigaretta.
Lo studio ha mostrato che l’abitudine quotidiana al fumo di Cannabis è significativamente correlata alla progressione della fibrosi durante l’infezione da epatite C cronica.
I pazienti con epatite C cronica dovrebbero trattenersi dal fare uso di Cannabis.

Fonte: Hepatology (02/09/05).

 
[Comunicazioni e News]

 

 
 
   

Policy - Dichiarazione - Ogni riproduzione anche parziale è vietata
Associazione NoProfit Help EpatiC - c. fiscale 95622090017
Sito ottimizzato 800x600 pixel
Aggiornato al 28 agosto 2014