[Max e Diana]|[Consapevolezza]|[La Malattia]|[Alleanza]|[Obbiettivi]  
 

[Sommario]

 

[Informazione e svago]

 
 

[Credits]


  



[Epatite G]

VIRUS EPATITE G

Nel 1995 un ricercatore, di nome Simons, ha identificato un nuovo virus dell'epatite simile al virus dell'epatite C, chiamato virus dell'epatite G - correlato all'epatite C (GBV-C). Nel 1996 un altro ricercatore, di nome Linnen, ha identificato un altro nuovo virus chiamato "virus dell'epatite G" (HGV). Poco tempo dopo si è visto che questi due nuovi virus (GBV-C e HGV) avevano una struttura uguale (o assai simile) e contenevano delle parti simili (ma distinte) rispetto al virus dell'epatite C. Pertanto questa nuova entità è stata più precisamente chiamata GBV-C/HGV con la fusione dei due precedenti nomi. E' dibattuto se questa forma possa causare epatiti acute, fulminanti o croniche.
Si tratta di un piccolo virus ad RNA, classificato come membro dei Flavivirus (come il virus dell'epatite C), strettamente collegato al virus dell'epatite C, ma non identico.
Le vie di trasmissione sono simili a quelle del virus dell'epatite C, cioè attraverso il sangue o materiali contaminati da sangue. Il periodo di incubazione non è noto.
Si trova spesso associato alle infezioni da virus dell'epatite C o B ed il suo significato clinico è tuttora non noto.
Non esiste alcun tipo di vaccino contro questo virus.

Fonte: pagine mediche (20/02/09).

 
[Comunicazioni e News]

 
 
   

Policy - Dichiarazione - Ogni riproduzione anche parziale è vietata
Associazione NoProfit Help EpatiC - c. fiscale 95622090017
Sito ottimizzato 800x600 pixel
Aggiornato al 29 agosto 2014