[Max e Diana]|[Consapevolezza]|[La Malattia]|[Alleanza]|[Obbiettivi]  
 

[Sommario]

 

[Informazione e svago]

 
 

[Credits]






[Terapia Omeopatica in HCV Cronico]

TERAPIA OMEOPATICA IN HCV CRONICO

Dalle numerose e-mail che riceviamo ci è parso utile trattare la terapia omeopatica in soggetti affetti da HCV cronico. Quando Max era malato, diversi omeopati consultati gli dissero che i rimedi omeopatici, fitoterapici o naturali, gli avrebbero alleviato la sofferenza e piccola insufficienza epatica della quale soffriva come per esempio difficoltà digestive, gonfiore addominale, stipsi, seria astenia, cefalea e altri disturbi, ma nonostante ciò non gli avrebbero permesso di negativizzarsi, quindi, questa settimana tratteremo questo importante argomento affinchè sia chiaro per tutti coloro che sono attualmente malati, che i rimedi omeopatici alleviano i fastidiosi sintomi che in genere sono associati alla patologia in questione, ma non permettono di ottenere la negativizzazione.
Per coloro comunque che in attesa di intraprendere la terapia tradizionale, volessero utilizzare alcuni rimedi omeopatici per evitare di assumere altri farmaci che andrebbero comunque a sovraccaricare
un fegato già abbastanza debilitato a causa del virus, bisogna tenere presente queste informazioni: l'omeopatia è nata dagli studi di Samuel Hahnemann (1755/1843) un medico tedesco.
In questi duecento anni di vita, la medicina omeopatica ha catalogato circa 1500 rimedi, tramite il sistema della sperimentazione sull'uomo sano. E' un modo di curare basato sulla "legge dei simili", ossia l'impiego di una sostanza (il rimedio) che somministrata ad una persona sana provoca sintomi uguali a quelli accusati dal malato.
Da questo ne deriva che la terapia è tanto più efficace quanto meglio viene individuato il "simile".
Il modo d'azione del rimedio assomiglia a quello di un vaccino.
I farmaci omeopatici vengono ricavati da sostanze vegetali, animali e minerali diluendo più volte la "tintura madre".

Essi generalmente sono innocui e non dovrebbero procurare allergie, o intolleranze se non in soggetti iper sensibili e fortemente intolleranti a determinate sostanze sopra elencate.
In genere questi farmaci se prescritti secondo il parere di un medico omeopata legalmente riconosciuto, guariscono il malato alla perfezione, altrimenti non funzionano e possono addirittura causare spiacevoli fenomeni allergici o fortemente intolleranti.
In genere l'omeopatia serve soprattutto per la cura delle malattie croniche lievi, come per esempio la cura delle gastriti, degli attacchi ansiogeni, delle malattie della pelle (quali eczemi, dermatiti seborroiche ecc.), delle vie respiratorie (faringiti, laringiti ecc..) e nei disturbi psicosomatici in genere.
Tenendo presente che il rimedio omeopatico non giova e non cura mai nelle urgenze e raramente aiuta nei casi acuti, può comunque servire ad integrare la medicina ufficiale e consentire la riduzione dei medicinali chimici.


Commento iniziale: Max e Diana.
Fonte argomento:
enciclopedia medica "La Repubblica".

 
[Comunicazioni e News]

 

 
 
   

Policy - Dichiarazione - Ogni riproduzione anche parziale è vietata
Associazione NoProfit Help EpatiC - c. fiscale 95622090017
Sito ottimizzato 800x600 pixel
Aggiornato al 28 agosto 2014