[Max e Diana]|[Consapevolezza]|[La Malattia]|[Alleanza]|[Obbiettivi]  
 

[Sommario]

 

[Informazione e svago]

 
 

[Credits]






[Portatori sani]

PORTATORI SANI SOLO IL 20% E DAVVERO SANO

Portatore sano di epatite C? Una definizione "ingannevole", secondo gli specialisti. Solo il 20% di questi pazienti, che presenta un livello di transaminasi nel sangue costantemente nella norma, è davvero sano. In tutti gli altri casi, ad analisi piu' approfondite, si registrano forme di danno epatico. A smentire la convinzione, radicata a volte anche nei medici, Claudio Puoti, primario della divisione di medicina interna e malattie digestive dell'ospedale Civile di Marino (Rm), durante la conferenza stampa di apertura del congresso internazionale 'Advancements in the management of viral related liver diseases', in corso a Roma.
''Tre pazienti su dieci affetti da epatite C - spiega Puoti - presentano livelli di transaminasi stabilmente nella norma. Ma non possono e non devono essere definiti portatori sani''. Infatti se fino a poco tempo fa si credeva che le transaminasi fossero l'unico, o comunque il principale, indicatore di danno epatico, oggi è ormai accertato che solo un malato su cinque con valori normali presenta alla biopsia epatica un fegato sano. Il 60% di questi pazienti ha infatti danni epatici lievi o moderati e un 3-4% addirittura cirrosi. Non solo. ''Le persone con epatite C che presentano normali valori di transaminasi - aggiunge Puoti - sono contagiose come le altre. Anzi, spesso piu' delle altre perchè l'ignorano''.
Secondo il medico, quindi, anche le persone che hanno le transaminasi nella norma devono essere tenute sotto controllo. 
  
Fonte: Adnkronos Salute. / Segnalato dal Friend Benedetto.

 
[Comunicazioni e News]

 

 
 
   

Policy - Dichiarazione - Ogni riproduzione anche parziale è vietata
Associazione NoProfit Help EpatiC - c. fiscale 95622090017
Sito ottimizzato 800x600 pixel
Aggiornato al 28 agosto 2014