[Max e Diana]|[Consapevolezza]|[La Malattia]|[Alleanza]|[Obbiettivi]  
 

[Sommario]

 

[Informazione e svago]

 
 

[Credits]






[Trattamento solo con interferone]

TRATTAMENTO DELL'HCV CRONICO SOLO CON INTERFERONE

Fino a poco tempo fa, il trattamento di prima linea dei pazienti con epatite cronica C ha previsto l’impiego di interferone alfa-2a, alfa-2b o interferone alfacon-1, farmaci dotati di efficacia pressoché simile.
Degli interferoni alternativi all’interferone alfa, l’interferone beta, naturale e ricombinante, è stato usato in Giappone, Spagna ed Italia in casistiche limitate.
I più promettenti interferoni alternativi appaiono, al momento, il Consensus interferone e l’interferone peghilato.
In diversi studi, i risultati della monoterapia con interferone sono stati valutati in rapporto a criteri intermedi e, in particolare, a normalizzazione delle transaminasi, assenza di viremia e modificazioni istologiche del fegato.
Un trattamento di sei mesi con interferone alfa determina, di norma, una normalizzazione dei livelli sierici di transaminasi nel 40-50% dei pazienti con epatite cronica C e una scomparsa dell’HCV-RNA nel siero nel 30-40% dei soggetti trattati.
Tuttavia, nella maggioranza dei casi, questa risposta è transitoria: a sei mesi dalla fine del trattamento, una normalizzazione dei livelli sierici di transaminasi permane nel 15-20% dei pazienti mentre una risposta virologica sostenuta, cioè persistente a tempo indefinito, si mantiene nel 6-12% ed è seguita, molto più lentamente, da normalizzazione o spiccato miglioramento delle lesioni istologiche.
Molto meno frequente e di incerto beneficio clinico è la risposta favorevole all’interferone alfa nella cirrosi compensata, mentre gli effetti sfavorevoli del farmaco escludono la prospettiva di trattamento nella terza fase.
Un trattamento della durata di 12 mesi porta a risultati simili, con la differenza che dopo sei mesi dal termine del trattamento la percentuale di pazienti con normalizzazione delle transaminasi sale al 20-30% e quella priva di HCV-RNA arriva al 13-19%.

Fonte: Ansa (20/02/05).

 
[Comunicazioni e News]

 

 
 
   

Policy - Dichiarazione - Ogni riproduzione anche parziale è vietata
Associazione NoProfit Help EpatiC - c. fiscale 95622090017
Sito ottimizzato 800x600 pixel
Aggiornato al 28 agosto 2014