[Max e Diana]|[Consapevolezza]|[La Malattia]|[Alleanza]|[Obbiettivi]  
 

[Sommario]

 

[Informazione e svago]

 
 

[Credits]






[Stefano]

TESTIMONIANZA DI UNA MAMMA

Ho letto le vostre testimonianze e con dolore vi racconto la mia esperienza, non diretta ma di mio figlio Stefano, che il 15 aprile ha compiuto 18 anni ed è affetto da epatite C, contratta da trasfusione avvenuta all'età di 2 mesi presso l'ospedale di Vicenza, dopo un lungo intervento per "estrofia vescicale".
Purtroppo il piccolo era nato con una grossa e rara malformazione, quel giorno, era il 16 aprile 1988, il piccolo si trovava nella nursery ospedaliera, sono arrivati con una sacca di sangue perché il giorno dopo doveva subire un delicato intervento chirurgico e come da prassi inserirono un ago nel piccolo collo di mio figlio, da li sarebbe passato (per tutto il tempo della degenza) oltre al sangue anche i farmaci.
Accanto a me c'era un'altra mamma, testimone di Geova e ricordo come se fosse ora, che lei inorridì dicendomi: No signora il sangue porta malattia, non deve farglielo dare!".
Se avessi ascoltato quella donna, oggi, forse Stefano avrebbe fatto tutto quello che già gli è stato fatto e che continua a fare, per la cura della sua malformazione, ma almeno non sarebbe rimasto contagiato dall' HCV.
Stefano dopo quell'intervento è stato operato per altre 22 volte, i suoi interventi sempre molto complicati portavano il piccolo in sala operatoria per 3/4 ore e qualche intervento durò anche 8/9 ore.
L'Ospedale di Vicenza ha ospitato me e il piccolo per almeno 6 anni, mai nessuno mi disse che il donatore di sangue per mio figlio, nel 1992 era risultato positivo all'HCV, quindi ero ignara di tutto.
E lo eravamo anche quando andammo all'ospedale di Padova: non fecero mai accertamenti, anche se la transaminasi di Stefano risultarono alterate fin dal 1992.
Poi ho scoperto che nella mia città c'era un bravo chirurgo pediatra che sovente faceva trasferte in America per acquisire nuove tecniche, e allora perché non tentare?
almeno avrei auto la possibilità di curare mio figlio nella mia città: Napoli, così tutto sarebbe stato più semplice, anche i controlli.
Nel Settembre 2001, mio figlio è stato ricoverato (ed io lo assistetti per tutto il tempo) perché doveva subire un intervento per "ampliamento vescicale" e nel 2001 i controlli epatici erano obbligatori.
Amara sorpresa quando un prof. alle 7 del mattino mi contatta per dirmi: "sig.ra suo figlio ha l'epatite C!".
Ecco, da quel giorno il mondo mi è crollato addosso, lo sgomento e il dolore hanno preso il sopravvento su quella unica preoccupazione che avevo: curare mio figlio per guarire la sua malformazione!
Dopo i vari accertamenti e conferme, mi dissero che Stefano aveva contratto l'epatite C, ma non aveva ancora creato nessun danno epatico.
Oggi mentre vi scrivo, la situazione clinica di Stefano variata, ora egli ha le transaminasi alte, e il fegato inizia ad ingrossarsi e ad ottobre inizierà la terapia interferonica.
Concludo dicendo che sentivo il bisogno di raccontare il calvario di mio figlio.

"Io Mamma"

 
[Comunicazioni e News]

 
 
   

Policy - Dichiarazione - Ogni riproduzione anche parziale è vietata
Associazione NoProfit Help EpatiC - c. fiscale 95622090017
Sito ottimizzato 800x600 pixel
Aggiornato al 28 agosto 2014